Gestionale Arca - Domande frequentil

Arca Professional

Da servizio - gestione esercizi - nuovo o nuovo con duplicazione.
La procedura si deve eseguire per l’esercizio contabile e per quello di magazzino.
Il programma chiede due volte se si vogliono confermare le date perché non si possono più modificare. Perciò prestare molta attenzione!

Il funzionamento è il seguente distinto per le due esigenze differenti indicate:

1) Fatturare ad un cliente per più bolle: es. desidero fatturare il 15 e il 30 di ogni mese. Emetto le Bolle dal 1 al 15 e poi dal 16 al 30. Il 15 e il 30 procedo con la fatturazione automatica: nella maschera scegliere il documento da emettere (FT) ed automaticamente appare il documento dal quale si preleva (BO). Cliccare su vuota e inserire i filtri voluti: il codice cliente, l’intervallo temporale (es. 01/03 – 15/03) ed eventualmente altri filtri desiderati. Cliccare su avanti.
Importante: andare sulla seconda pagina “Modalità di funzionamento” e togliere il flag su “simulazione” (questo per ottenere la numerazione della/e fattura/e). Cliccare su Fine.
Stampa (su stampante o creazione PDF o invio via mail…..)
Le fatture andranno nel transitorio attivo pronte per essere contabilizzate.
In questo caso viene emessa un’unica fattura che raggruppa le bolle dal 01/03 al 15/03.

2) Fatturare a più clienti per un periodo temporale determinato: es. desidero fatturare per tutti i clienti alla fine di ogni mese.
Procedo come nel punto 1) omettendo l’inserimento del codice cliente e precisando l’intervallo temporale.
Saranno emesse fatture per tutti quei clienti nei confronti dei quali sono state emesse Bolle nel periodo indicato.
Ovviamente la numerazione delle fatture terrà conto del numero fatture emesse. Es. se prima della fatturazione automatica sono state emesse n. 10 fatture e con la fatturazione automatica vengono emesse 15 fatture, la numerazione inizierà dalla n. 11 e terminerà con il n. 25. La fattura successiva avrà il n. 26.

Da Servizio – preferenze - documenti

Da Servizio – preferenze – generale.

Il termine per la comunicazione delle fatture è stato posticipato al 06 aprile 2018.
Con il Comunicato del 5 febbraio 2018, l'Agenzia delle Entrate ha prorogato la scadenza per l'Invio Dati Fatture, relativo al secondo semestre 2017.

La nuova scadenza viene fissata al 06 aprile 2018 (al sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del provvedimento). Entro tale data, inoltre, sarà possibile inviare eventuali correzioni delle comunicazioni inviate per il primo semestre 2017. 

Per modificare una fattura attiva è necessario ripercorrere le fasi all’inverso. Perciò per prima cosa occorre eliminare il movimento contabile; poi occorre sbloccare il documento da “gestione documenti bloccati” e poi modificare la fattura che ritorna nel transitorio modificata.
Infine si deve procedere alla contabilizzazione.


Arca Evolution

Da Servizio – impostazione – spese bollo su esente.
Inserire il relativo conto del Piano dei conti e l’aliquota Iva ; procedere con l’importo del bollo e l’imponibile minimo.
Infine scegliere se applicare il bollo anche alle note di credito (attivazione flag - si applica).

Il termine per la comunicazione delle fatture è stato posticipato al 06 aprile 2018. Con il Comunicato del 5 febbraio 2018, l'Agenzia delle Entrate ha prorogato la scadenza per l'Invio Dati Fatture, relativo al secondo semestre 2017. 

La nuova scadenza viene fissata al 06 aprile 2018 (al sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del provvedimento). 
Entro tale data, inoltre, sarà possibile inviare eventuali correzioni delle comunicazioni inviate per il primo semestre 2017. 

Si è possibile. Un modo di procedere è il seguente:
Nel momento in cui si effettua il pagamento/incasso si può inserire con un semplice giroconto (e non utilizzando il wizard di incasso\pagamento).

Quando si registra la fattura, dal menù scadenziario\gestione si può selezionare la scadenza appena creata dalla fattura  e  dal menù azioni c’è la possibilità di collegarla ad un movimento di tipo incasso\pagamento Verranno proposte solo le registrazioni contabili con causale contabile di tipo incasso\pagamento, effettuate verso quel fornitore\cliente, che hanno lo stesso importo della scadenza.

Se l’importo è diverso è possibile prima di procedere, entrare in scadenze e duplicare le scadenze in modo che una abbia lo stesso importo del pagamento/incasso effettuato in anticipo.

La data di quest’ultimo sarà la stessa dell’effettivo movimento anticipato. NB. Sono escluse le scadenze con ritenuta d’acconto.

Il programma è in grado di seguire tutto il processo della registrazione di fattura con ritenuta d’acconto sino al versamento della ritenuta stessa. Essenziale è la configurazione corretta dell’anagrafica fornitore e dei conti nel piano dei conti altrimenti non sarà generato il movimento di ritenuta.

1) Impostazione corretta nel “piano dei conti” dei conti (di costo) da utilizzare per la rilevazione (es.spese legali, spese di consulenze, ….).

Indicare se si tratta di base imponibile solo per il calcolo dell’IVA
Indicare se si tratta di base imponibile per il calcolo della ritenuta
Indicare se si tratta di rimborso spese quindi non imponibile ritenuta

2) Impostazione corretta dell’anagrafica fornitore, pagina “dati ritenute”

Contrassegnare il check “Soggetto a ritenuta”
Inserire i dati anagrafici e residenza
Inserire i dati relativi alla Ritenuta d’acconto: % ritenuta applicabile, codice tributo e base imponibile se diversa da quella impostata nell’anagrafica fornitori.
Se soggetto ENASARCO indicare tutti i dati relativi
Indicare i dati relativi alla gestione INPS